Stiamo costruendo a
Oleis
Manzano (UD)
Il cantiere è aperto da:
  • Ubicazione: Comune di Manzano

  • Tipologia: Edificio residenziale unifamiliare

  • Disposizione: Su due livelli

  • Tecnologia: Casa in legno con struttura a telaio

placehold

Casa su due piani, con struttura a telaio, doppio garage e una sala musica.

1 - Il progetto

Gianluca e Chiara attualmente vivono all’interno della tenuta ma hanno deciso di spostarsi e costruire una casa tutta loro dove far crescere la piccola Margherita.
Hanno comperato un terreno non lontano da Manzano da cui si gode di una vista spettacolare.
Su suggerimento dei loro amici si sono rivolti all’Ing. Maranzana per la progettazione e la realizzazione della loro casa in legno.

placehold

Ottenere il permesso a costruire è stato più complicato del previsto a causa di problemi burocratici.

Come si può vedere dalla foto, il sollievo e la felicità di averlo finalmente tra le mani sono stati travolgenti.



placehold

Ultime scelte prima di dare il via ai lavori: Chiara ha scelto il larice come colore per le travi, una tinta calda e avvolgente.

placehold

Tutto è pronto, anche il cartello di cantiere. Si può iniziare.

2 - Scavi e fondazioni

Chiara e Gianluca hanno i tempi stretti prima di dover lasciare la loro casa e per fortuna le condizioni meteo sono state dalla nostra.
Quest’anno abbiamo avuto un’estate lunghissima e un autunno decisamente mite che ci hanno permesso di iniziare il cantiere e procedere spediti.

placehold

Sono stati fatti i rilievi ed è stata picchettata l’area.
Giorgio disegna la sagoma della casa con la polvere di gesso e poi si può iniziare a scavare.

placehold

Il sole tramonta sullo scavo completato.
La “X” tracciata in bianco segna il posizionamento del garage per il quale non è necessario realizzare delle fondazioni con vuoto sanitario, ma sarà sufficiente una platea in cemento.

placehold

Le fondazioni sono quasi finite.
Sono stati posati gli igloo per creare il vuoto sanitario e sono stati ricoperti con l’armatura in acciaio che permetterà di creare la platea in cemento armato sulla quale verrà poi realizzata la casa in legno.

3 - Montaggio della struttura

Gianluca e Chiara hanno voluto una casa su due piani, con struttura a telaio, doppio garage e una sala musica.
Gianluca, infatti, è un musicista e avere una stanza dove esercitarsi è sempre stato il suo sogno. Per creare una buona acustica e al contempo isolarla dal resto della casa è stata fatta quasi “esterna” al corpo principale.

placehold

Si stendono i progetti e si inizia a tracciare.
Con calma e precisione.

placehold

La “casa” arriva in cantiere. Le travi lamellari che formeranno la struttura portante della casa e del tetto sono state già tutte pretagliate, sagomate e impregnate (come da progetto strutturale) e sono pronte per essere montate.

placehold

La casa prende forma e già si può intuire il tetto a due falde con il colmo centrale e la falda unica del tetto del garage.

placehold

Meleq, il nostro carpentiere!

4 - Posa del tetto

Il tetto dell’abitazione è un classico tetto a due falde, isolato e ventilato.
Essendo il riscaldamento ottenuto da una pompa di calore, non sono previsti camini. L’unica cosa che troverà spazio sul tetto, oltre l’antenna della TV, sono i pannelli fotovoltaici.

placehold

Una volta ultimata al posa dell’orditura in legno, si passa alla posa del perlinato che farà da base per l’isolante.

placehold

Sopra l’isolante viene posto un telo traspirante della Rothoblaas, poi sigillato con l’apposito nastro, che mantiene asciutto l’isolante proteggendolo dall’umidità esterna e, al contempo, lasciando uscire l’umidità residua interna.

placehold

Il palo per il fissaggio dell’antenna per la TV (chiamato "pastorale" per la sua forma).

5 - Posa delle pareti esterne e isolamento

L’isolamento della casa viene studiato da tecnici professionisti che in base alla zona dove si trova la casa, la conformazione della stessa, i materiali utilizzati per la costruzione, definiscono il tipo e lo spessore dell’isolante da utilizzare.
Una casa in legno a telaio ha un doppio isolamento: quello esterno, il cappotto, e quello interno realizzato tramite il riempimento dell’intercapedine delle pareti.

placehold

Tamponamento esterno delle pareti con pannelli in OSB3, un materiale economico ma molto robusto che, grazie all’incollaggio fenolico, resiste ad acqua e umidità.

placehold

Le finestre vengono chiuse con dei teli e si inizia la realizzazione del cappotto esterno con l’XPS (polisitrene espanso estruso).

placehold

Per realizzare il cappotto si usano due tipi diversi di pannelli: quelli tradizionali (bianco) e quelli a celle chiuse (azzurro). Questi ultimi, infatti, dovendo stare vicino al terreno hanno una maggiore resistenza e impermeabilità all’acqua e all’umidità.

Da notare l’ulivo sul tetto voluto da Chiara e Gianluca come segno beneaugurante.

6 - Realizzazione pareti interne

Chiara e Gianluca hanno scelto di realizzare l’isolamento interno con della lana di vetro, materiale molto performante, dalle alte prestazioni da un punto di vista termico.

placehold

Nelle pareti sono state create delle intercapedini pronte per essere riempite di lana di vetro.

placehold

La parete isolata viene siglillata con il freno vapore, un telo che rallenta il passaggio dell’umidità interna, mantenendo così sempre perfettamente asciutto l’isolante.

placehold

Cartongessisti e ingegnere studiano la realizzazione delle pareti interne per far si che tutto corrisponda perfettamente a quanto progettato e deciso dai clienti.

7 - Posa degli impianti

Come anticipato, Chiara e Gianluca hanno deciso di riscaldare l’intera casa con il riscaldamento a pavimento ma, prima di posarlo, bisogna realizzare gli altri impianti.

Il riscaldamento a pavimento verrà, infatti, realizzato solo dopo aver posato tutti gli impianti elettrici e idraulici a pavimento e averli ricoperti con l’isocal.

placehold

Posa degli impianti idraulici che salgono a muro in corrispondenza dei rubinetti e sanitari.

8 - Isocal

Una volta terminato di posare le tubazioni dell'impianto elettrico ed idrico, bisogna creare la base per la posa dell'impianto di riscaldamento a pavimento.
Le tubazioni vengono, quindi, annegate nell'Isocal che andrà a formare il primo strato isolante del pavimento. 

placehold

Thomas prepara l'impasto isolante formato da cemento, sabbia e polistirolo.
La macchina lo amalgama e lo pompa all'interno dell'abitazione.

placehold

All'interno della casa Jose stende l'Isocal, creando uno strato uniforme in tutte le stanze.

placehold

Il livellamento dell'isocal è una delle fasi più delicate in quanto, una volta asciutto, creerà la base per la posa di un pannello isolante sul quale correranno i tubi del riscaldamento a pavimento.

9 - Rasatura del cappotto

Mentre all'interno della casa idraulici e elettricisti lavorano sugli impianti, all'esterno si può lavorare per ultimare le facciate dell'edificio attraverso la rasatura del cappotto.
L'intonacatura verrà seguita dalla posa del marmorino colorato.
Quest'ultimo è lo strato finale, quello prettamente estetico, che conferirà il colore alla casa e ne definirà la ruvidezza delle pareti.

placehold

Meleq all'opera.

Si inizia stendendo un primo strato di malta, successivamente viene posata una rete per evitare spaccature nell'intonaco e, infine, viene stesa una nuova mano di malta.
In questo modo si crea una base uniforme per la stesura del marmorino e, al contempo, si crea una protezione per l'isolante che forma il cappotto esterno della casa.

placehold

In questa foto si possono vedere i tre stadi di lavorazione:

- in basso a destra il cappotto esposto.

- in alto a destra è stata stesa la prima mano di malta.

- nella metà casa di sinistra si vede l'intonaco completato. Ora non resta che stendere il marmorino.

placehold

E' stato realizzato anche il marmorino.

Gianluca e Chiara per la loro casa hanno scelto il classico bianco che non stanca mai.

Le facciate esterne sono finite, non resta che ultimare gli interni.

10 - Posa dei serramenti

Gianluca e Chiara hanno voluto occuparsi personalmente della scelta dei serramenti attraverso un'azienda di loro conoscenza.
Hanno scelto serramenti in PVC bianchi con triplo vetro e alti livelli prestazionali.
La posa è stata affidata a Pietro, il nostro serramentista di fiducia.

placehold

Se in fase di progettazione tutto è stato calcolato al millimetro e se c'è stato un corretto scambio di informazioni tra progettista e produttore, la posa dei serramenti va spedita.

placehold

Una volta posati, i serramenti vengono sigillati con della schiuma poliuretanica apposita.

La schiuma non solo aumenta il fissaggio del serramento ma, sopratutto, sigilla la casa aumentandone l'isolamento.

placehold

Ultimo step, vengono fissati i sistemi di chiusura e apertura e vengono registrate le finestre.

Una volta che la schiuma sarà asciutta, quando i lavori si avvicineranno alla fine, verranno posate anche le mostrine che andranno a coprire la schiuma e completeranno il serramento.

placehold

Controllo di qualità effettuato da Gianluca, il proprietario di casa, che si è definito molto soddisfatto sia della scelta fatta, sia del lavoro finito.

Se sei interessato a visitare il cantiere

Contattaci